L'intervista

Avanti tutta... arriva Predarex!



Ciao Gianluca e grazie per essere avere accettato il nostro invito

Ciao, grazie a voi per l'invito.

Gianluca Sparacino, Predarex per Fipol.
Stagione 2015/16 sei entrato a far parte di questa grande famiglia come Entry Level, amici ma nello stesso tempo avversari, ridendo e scherzando l'obiettivo finale diventa serio e ambizioso diventare Campione e gareggiare ad un evento live sponsorizzato.
Stagione 2015/16 arrivi agli ottavi sia in Coppa Italia che nella Champions League mentre ti piazzi 33° nel Campionato Italiano giocando 22 tappe su 30 ed entri nella squadra del Fipol Shark Team capitanato da un Campione Italiano Fabrizio Foresta, dal plurimedagliato di Coppa Italia Antonio Gatta e dal Campione in carica di Champions League Daniele Palazzini, mentre vincendo il Road to Venice dell’allenamento Fipol, ti aggiudichi la partecipazione ad un evento live (TILT EVENTS SANREMO SUNDAY NIGHT ) partecipando insieme alla squadra nazionale alla trasferta di Sanremo, dove ti sei piazzato al 6° posto itm.
Stagione 2016/17 sei protagonista nel Campionato a squadre dopo due tappe siete in vetta solitaria ma soprattutto sei a un passo per realizzare un sogno vincere il Campionato Italiano serie A in testa a due tappe dal traguardo.
Come ti senti?
Pensi di avere le motivazioni giuste per alzare la coppa al cielo?

Beh, mi sento emozionato e carico, all'inizio della stagione non avrei mai immaginato di poter essere in corsa per vincere il Campionato, ad ogni tappa ho tentato di dare il massimo, ed a questo punto tutto può succedere, si è vero che sono in vetta, ma i miei diretti concorrenti sono abili ed agguerriti, sarà una bella sfida.

Nel Campionato Italiano a due tappe al termine hai appena 18,1 punti dal secondo in classifica ma nelle ultime quattro tappe hai inserito la quarta marcia 4°, 3°, 5°, 1° inoltre fai parte di un team prestigioso con tre grandi Campioni Fipol quanto ritieni importante la loro presenza e quanto può accrescere il tuo valore all'interno della federazione?

Sono già due stagioni che faccio parte di questo team, da allora sono migliorato parecchio,ed ho imparato molto da loro, perchè sono grandi campioni sia ai tavoli che fuori, i consigli che mi hanno dato sono stati fondamentali per la mia crescita pokeristica, infatti devo ringraziare sopratutto loro che mi sostengono e danno consigli su come approcciarmi ai tornei, se riuscirò a vincere sarà anche merito loro.

Se i tuoi compagni di squadra ti hanno cercato e accolto all'interno del team probabilmente perchè hanno colto l'opportunità e visto in te grandi potenzialità ma sei sconosciuto a molti in quanto da poco all'interno dei Campionati cosa puoi raccontarci per dare anche a noi la possibilità di conoscerti ad esempio quanti anni hai e da quanto tempo giochi a poker se il tuo impegno è solamente ai tavoli oppure dedichi attenzione anche allo studio, diversi player hanno nei professionisti un esempio un riferimento vale anche per te oppure il tuo interesse è finalizzato esclusivamente ai tuoi risultati?

Mi hanno voluto all'interno del team perchè ho avuto l'occasione di conoscere ai tavoli Antonio, e probabilmente è stato lui a vedere che avessi le potenzialità per fare bene.
Per quanto riguarda me, gioco a poker già quando ero piccolo, per lo più in famiglia, una volta avuto l'età adatta per potermi confrontare con gli altri, credo sia venuta naturale la voglia di impegnarmi in sfide con dei giocatori più esperti.
Nella vita al momento il poker è solo una passione, che con i risultati chissà se potrà diventare una professione... ovviamente si lavora guardando il modello dei professionisti e dove si può arrivare con impegno, costanza ed ovviamente anche con un po di fortuna.

Team's Challenge è una grande iniziativa Fipol non solo per l'idea originale di mettere in competizione le squadre con un capitano e due giocatori ma per preparare gli atleti al grande evento live che vedrà lo squadrone Fipol allineato, unito insieme al coach pronto per sfidare il mondo.
Ed è proprio qui l'idea originale, un grande gruppo che quando si siederà ai tavoli saranno uno contro tutti ma in realtà avverrà una preparazione pregara perchè tecnica, skill e mindset siano al top.
Ritieni l'iniziativa interessante oppure troppe "teste" rendono difficile creare sinergia di gruppo, possono, secondo te giocatori di regioni diverse con approcci al gioco differenti e caratteri a volte contrastanti fare squadra con tutti pronti ad ascoltare ed apprendere con umiltà ed entusiasmo?

Il Team's Challenge, lo si aspettava già dallo scorso anno, sono contento che quest'anno sia stato realizzato, questa competizione a mio parere per come è stata formata la struttura fa si che si esaltino le abilità del singolo all'interno di un gruppo, poi quando eventualmente si arriverà ad un live, a quel punto credo che si debba vivere un po come un "Tutti per uno, uno per tutti". Non importa chi arriva infondo al torneo, l'importante è che qualcuno faccia risultato.
Naturalmente la preparazione pregara è importante tanto quanto il torneo stesso, e se tutti i membri sono disponibili ad ascoltare chi magari ha più esperienza nei tornei live si può affrontare con entusiasmo a prescindere dal risultato che si conseguirà.

Siamo arrivati al termine dell'intervista un grazie sincero per la tua attenzione e la possibilità che ci hai dato di conoscerti ora un'ultima domanda. Fipol oltre ad essere una opportunità per ogni player è anche una grande palestra dove allenarsi e sperimentare quanto valuti la preparazione dei migliori in campo nei diversi campionati per competere ad alti livelli nel tornei live e ritieni ci siamo le credenziali per arrivare itm o meglio ancora ad un final table di un wpt?

E' un piacere potermi farmi conoscere da voi, senza dubbio Fipol è un ottimo luogo per allenarsi per affrontare tornei impegnativi.
Gli attuali partecipanti delle nelle varie competizioni, spesso partecipano a tornei di grande rilievo, quindi riescono a portare ai tavoli l'esperienza necessaria per arrivare infondo ad un WPT.

GianLuca good luck per tutto sia nel mondo del poker che nella vita.

Grazie ancora, per l'opportunità di farmi conoscere, auguro a tutti un buon finale di stagione, e che vinca il migliore in ogni competizione. Good Luck a tutti!