L'intervista

Treee....lleborg! Treee....mate!



Ciao Alessandro e grazie per essere qui con noi

Ciao, grazie Pea e Fausto per l'invito

- I Campionati si stanno avvicinando al traguardo, Coppa Italia il 4 Giugno, Champions League il 29 Giugno. Due Campionati importanti perchè in entrambi ti vedono protagonista nella prima hai appena superato i quarti mentre in Champions sei il leader del girone A con passaggio quasi matematico agli ottavi.
Vincere rimane sempre una impresa difficile, la Coppa Italia entra nella fase cruciale delle semifinali e i giochi sono ridotti a quattro player che vogliamo ricordare
- Tu come Trelleborg
- TonyG68 (alias Tonyg3up) vincitore del titolo coppa Italia 2012/2013 e 2013/2014
- Franco3f (alias 3fzziplex)
- Ubisor (alias ubisor) coach fipol
e la prima sfida ti vede contro il coach Umberto Sorrentino in heads up su tre gare.
Quante probabilità ti quoti per il passaggio alla fase successiva?
E l'emozione non solo di superare un avversario altamente quotato ma di raggiungere la finale quanto potrà condizionare il gioco al tavolo?

Diciamo che se avessi dovuto scegliere non avrei scelto Ubi come avversario in semifinale, il motivo è superfluo dirlo. Devo però riconoscere che sarà molto stimolante confrontarmi con il coach, del resto giocare senza aver nulla da perdere qualche vantaggio me lo concede.

- Il Campionato Italiano ti ha visto out in 14^ posizione quando ne passavano 12 ai play off, entri a far parte dei play out e dopo 4 tappe con una non giocata sei al terzo posto, al Campionato Poker School non ti sei iscritto come non ti sei iscritto al torneo di Omaha.
Fa parte di una scelta strategica dove hai puntato le tue energie e skill nei campionati che hai ritenuto idonei alle tue caratteristiche oppure una scelta per ottimizzare il tempo disponibile considerando i diversi impegni lavorativi?

Il problema è che non posso e non voglio passare più di due sere a settimana al pc, ci sono tante cose da fare e nonostante la mia passione per il poker va benissimo così. Comunque se si giocasse tutto in una sera stai tranquilla che mi troveresti in tutti i tornei.

- Sfogliando le tue presenze all'interno della federazione Fipol leggiamo la prima partecipazione anno 2011, ti iscrivi nella entry level e ti piazzi subito quarto che ti permette di giocare la serie B concludendo con un ottimo settimo posto offrendoti l'opportunità di entrare in serie A l'anno dopo.
A differenza di altri player che si sono persi durante gli anni tu hai sempre migliorato quanto credi nel progetto Fipol e nelle opportunità che offre agli iscritti?

Fipol è strutturato per creare dipendenza, se ci entri è difficile staccarsi. Con il passare degli anni ci sono state tante modifiche, alcune buone, altre, a mio avviso, un po' meno, ma i risultati danno ragione all'organizzazione che è riuscita a dare l'occasione a tanti giocatori amatoriali di confrontarsi, di passare tante serate a sperare nel magico river e ad alcuni, e per questo mi ritengo super fortunato, di fare un esperienza live in un casinò importante in tornei che, personalmente, non potrei mai permettermi.

- Possiamo considerarti uno dei veterani della federazione in quanto il tuo inizio coincide con la sua nascita, hai un ricordo particolare che ti è rimasto sopra gli altri, un evento, un player una situazione oppure un campionato che nel bene o nel male rimarrà per sempre nella tua memoria?

Ricordo perfettamente tante mani e tanti tornei fipol che ho giocato con l'adrenalina a mille ma l'esperienza che abbiamo fatto a Sanremo ad Ottobre vince per distacco. Tre giorni di gran divertimento con un gruppo di persone davvero speciali. Alla fine il torneo è stato sicuramente importante ma sono state le persone che ho conosciuto lì ad aver reso il tutto sicuramente indimenticabile, lo auguro di cuore a tutti.

- Siamo alla conclusione di questa intervista una ultima domanda, chi vince il Campionato Italiano?

Io sicuramente no ,  il leader assaporaia non lo conosco, comunque ci sono ancora tante tappe e ci sono giocatori forti ed esperti come doubleuzee e feck82 che possono sempre dire la loro. Permettetemi, per finire, di fare una dedica a Donatella che mi sopporta nonostante le mie lunghe serate al pc e che mi lascia giocare con la tranquillità e la serenità indispensabili per poter giocare, l'unico problema è che lei aspetta ancora che io vinca abbastanza per rifare il bagno.

- A proposito...trelleborg, perchè?

La mia prima squadra di calcetto con la quale ci iscrivemmo ad un torneo e ci diedero quel nome, lo vincemmo e da lì nacque tutto

Grazie di nuovo Alessandro per la tua disponibilità e la tua simpatia, un arrivederci ai tavoli e good luck per i tuoi Campionati

Grazie a voi, un abbraccio, è stato un onore per me, a prestissimo