Poker School

Small Ball diNegreanu



Small Ball

Il coach Umberto Sorrentino riprende la strategia di Daniel Negreanu che forse e diciamo forse ha preso il termine dal basket dove per il basket significa schierarsi in un assetto tattico composto da quattro giocatori con caratteristiche da esterni ed eventualmente un solo giocatore interno con l'obiettivo di creare maggiori e migliori opportunità per attaccare e difendere meglio.

Creare maggiori e migliori opportunità e quando lo stack lo permette con player da 200 big blind e oltre la strategia dello small ball entra in gioco.

La dinamica è quella di giocare molti piatti piccoli in posizione avendo grandi conoscenze post flop.

AK e AQ mani che ognuno di noi vorrebbe avere nei primi livelli a Negreanu non piacciono perchè il loro dna porta a vincere piatti piccoli e a perdere piatti grandi.

Belle, bellissime e importanti tutte le starting hands speculative che nascondono la loro forza quando hittano i massimi e distruggono gli avversari.

Un'altra lezione importante pronta ad evidenziare una ennesima strategia sempre a dimostrare che il poker è uno sport a tutti gli effetti dove nulla deve essere lasciato al caso.

E nemmeno la terza prova d'esame dei studenti della scuola è andata persa dopo tre settimane i risultati che vedono sfrecciare in testa

Carmine Vitolo con 81,75 punti

Fausto Evangelisti con 81 punti

Simone Vecchi con 80,75 punti

Pompea Ricci con 76 punti

Guerrino Ippoliti con 75 punti

Francesco Fois con 72 punti

Gianfranco con 70 punti

Emiliano Terzuoli che praticamente abbandona non presentando la sua terza prova con 55 punti

Due prove al termine

- prova in heads up

- tavolo finale in diretta streaming

Anche la scuola si sta preparando alle vacanze ma prima il nome del vincitore e a breve verrà ufficializzato.